Con l’arrivo del caldo e dell’estate, è comune volersi rimettere in forma per la bella stagione. Dopo feste, mangiate in compagnia, stravizi ed abbuffate causate dallo stress dei ritmi lavorativi, una bella dieta drenante può essere la soluzione adatta per depurarsi e ritrovare la propria silhouette.

Perché una dieta drenante?

Durante i mesi più freddi è comune cedere alle tentazioni: tutte le feste del periodo invernale, le giornate più corte ed il freddo non aiutano a rimanere in forma. Una dieta “detox” dovrebbe aiutare il corpo a depurarsi dalle tossine accumulate in questo lasso di tempo, ma anche a ridurre gli inestetismi di cellulite e ritenzione idrica.  In altre parole, gli scopi di una dieta depurativa possono essere diversi:

    • Drenare liquidi in eccesso e tossine dal corpo
    • Contrastare gli inestetismi della cellulite
    • Purificare la pelle, passando dal fegato e dall’intestino
    • Riequilibrare il transito intestinale 
    • Stimolare il metabolismo a funzionare al meglio

Ma attenzione: quando parliamo di dieta detox non si intendono le famose “diete miracolose” che, in pochissimo tempo, ti fanno perdere molti chili (anche perché, qualora funzionassero, comporterebbero comunque ad una ripresa del peso altrettanto veloce). Si intende piuttosto uno stile alimentare che andrebbe seguito per più tempo e che possa porre le basi per uno stile di vita più sano ed equilibrato. L’ideale sarebbe imparare a mangiare bene, seguendo la stagionalità degli alimenti ed imparando ad ascoltare il proprio corpo.

Quali sono le basi di una dieta drenante?

Un aspetto da non dimenticare mai se si parla di dieta drenante è che l’idratazione è la chiave del benessere. Bere aiuta a riequilibrare i liquidi corporei e facilita il lavoro del fegato che eliminerà più velocemente tossine e scorie. Può essere utile aiutarsi con tisane, tè o infusi a base di erbe drenanti, che aumentino la diuresi e diano sapore all’acqua. 

Oltre ai liquidi, alla base della dieta drenante troviamo frutta e verdura: ricche di fibre, acqua, vitamine e sali minerali, dovrebbero essere consumate in grande quantità durante la giornata. Secondo le linee guida, le porzioni di frutta e verdura dovrebbero essere cinque al giorno.

Tra tutti i frutti, quelli riconosciuti come drenanti sono il cocomero, il melone, il limone, il pompelmo ed i frutti di bosco. La frutta è anche ricca di antiossidanti, quindi oltre ad essere un vero toccasana per le vie urinarie ed il fegato, è anche una potente arma di difesa contro i radicali liberi.

Anche la verdura, ricca di fibre, acqua e vitamine è fondamentale in questo tipo di dieta. Tra i più famosi alimenti drenanti spiccano cetrioli, finocchio, sedano, zenzero e spinaci. La verdura cruda inoltre, tipica della bella stagione, non subendo processi di cottura, mantiene intatte tutte le proprietà antiossidanti e le vitamine.

Non vanno dimenticate le fibre dei cereali integrali e dei legumi: sostituire la pasta bianca con quella integrale e consumare almeno una porzione di legumi a settimana (ed attenzione, i legumi non sono un contorno, ma un piatto unico) aiuta la motilità intestinale, aiutando quindi la pulizia del tratto intestinale. 

È importante non eccedere con le proteine e scegliere fonti proteiche pulite e sane (carne bianca, pesce fresco, uova e legumi), limitando il consumo di affettati e conservati (pur essendo ricchi in proteine, sono poveri d’acqua e ricchi di sale, quindi responsabili di ritenzione idrica).

Altri consigli

Come sempre, è necessario evitare gli eccessi e non improvvisare diete a basso contenuto di carboidrati! Se avete bisogno di un aiuto rivolgetevi ad un professionista che possa guidarvi ed aiutarvi a seguire la migliore dieta depurante per voi.

zymerex blog nutrizionista
Autore

Dott.ssa Giulia Aliboni – Biologo Nutrizionista

Laurea triennale in Biologia presso Università di Pisa nel 2018 e Laurea Magistrale in Alimentazione e Nutrizione Umana presso Università Statale di Milano nel 2020. Esperta in nutrizione personalizzata, disbiosi intestinale ed intolleranze alimentari. Socio Sinseb (Società Italiana Nutrizione Sport e Benessere).

Condividi