Il gonfiore dovuto ai liquidi in eccesso è uno degli inestetismi più comuni e fastidiosi, che colpisce principalmente le donne nella bella stagione. Talvolta questo disturbi si verifica anche in conseguenza ad alcune condizioni e patologie. Si stima che in Italia ne soffrano circa il 30-35% delle donne.

Scopriamo alcuni consigli specifici in caso di gambe gonfie.

Con l’aumento delle temperature è comune la comparsa dei primi fastidi legati alla circolazione: gambe pesanti, formicolii, pelle secca, prurito e gonfiore agli arti inferiori. Questo disturbo, tipico della bella stagione, si manifesta soprattutto in donne con disturbi circolatori e di ritenzione idrica con insufficienza venosa

Le gambe gonfie sono spesso la conseguenza di una vita sedentaria, nella quale viene fatto poco movimento ed attività fisica, ma possono dipendere anche da intere giornate passate in piedi (per questo alcuni lavori predispongono a questa condizione più di altri).  

È possibile contrastare i disturbi legati alle gambe pesanti con qualche piccolo accorgimento, variando anche di poco quelle che sono le abitudini quotidiane.

Cosa fare in caso di gambe gonfie?

Una volta individuate le cause che portano al gonfiore ed al formicolio degli arti inferiori, si possono attuare alcuni accorgimenti prevenire o ridurre l’edema alle gambe:

    • Muoversi di più: aumentare l’attività fisica può essere fondamentale. Sono consigliate le passeggiate a passo svelto all’aria aperta, che portano benefici non solo per la circolazione venosa e linfatica, ma anche per la tonicità muscolare. Inoltre, fare attività fisica stimola il rilascio di serotonina, l’ormone della felicità: è quindi un aiuto anche per il buon umore.
    • Controllare il peso corporeo: tenere sotto controllo il peso è imprescindibile per prevenire la comparsa di edema alle gambe. Un peso in eccesso può comportare la riduzione della circolazione linfatica.
    • Non esporsi direttamente al sole: è sconsigliabile esporsi al sole, soprattutto nelle ore più calde. Nella stagione estiva è necessario preferire l’ombra e, se possibile, fare passeggiate nell’acqua fresca ogni tanto per stimolare la circolazione. 
    • Fare esercizi tipo yoga o pilates: non è obbligatorio fare attività fisica troppo intensa, mentre possono essere d’aiuto discipline come il pilates o lo yoga, che insegnano a regolare la respirazione, che può a sua volta stimolare la circolazione venosa. 
    • Scegli scarpe adatte: evitare accuratamente scarpe con tacco alto o dalla suola troppo piatta perché possono affaticare le gambe e le caviglie. Allo stesso tempo, è sconsigliabile utilizzare scarpe troppo alte sul polpaccio, come gli stivali in quanto alzano eccessivamente la temperatura agli arti inferiori e favoriscono la comparsa di edema.
    • Fare massaggi drenanti: può essere utile rivolgersi ad uno specialista che possa effettuare massaggi drenanti agli arti inferiori

Un aiuto dalla natura per le gambe gonfie

Un grande aiuto per contrastare le gambe pesanti viene proprio dalla natura. Esistono erbe ed estratti naturali che favoriscono il drenaggio dei liquidi corporei e sono protettivi per la circolazione. Tra questi troviamo:

  • Rusco: un toccasana per la pesantezza delle gambe, 
  • Mirtillo: che grazie ai tannini ed agli antocianosidi  ha proprietà vasoprotettive ed è indicato per contrastare la comparsa dell’edema,
  • Centella: che favorisce la circolazione venosa. 

Infine, è essenziale fare un cenno all’importanza dell’idratazione: è fondamentale bere acqua a sufficienza per stimolare la diuresi ed il drenaggio dei liquidi. In questo modo si contrasta la formazione di edema e si stimola il turnover dei liquidi corporei.

    zymerex blog nutrizionista

    Autore

    Dott.ssa Giulia Aliboni – Biologo Nutrizionista

    Laurea triennale in Biologia presso Università di Pisa nel 2018 e Laurea Magistrale in Alimentazione e Nutrizione Umana presso Università Statale di Milano nel 2020. Esperta in nutrizione personalizzata, disbiosi intestinale ed intolleranze alimentari. Socio Sinseb (Società Italiana Nutrizione Sport e Benessere).

    Condividi